REGISTRAZIONE MARCHIO
HOME DEPOSITARE UN MARCHIO WEB BRAND PROTECTION SORVEGLIANZA COPYRIGHT CONTATTO
  Cenni preliminari
  Requisiti di validita'
  Uso del simbolo ®
  Le classi
  Tipi di marchio
  Strategia
  Ricerca di    anteriorita'
  F.A.Q.
Sede legale e operativa
 VENEZIA
 30171  Mestre
 Via Col di Lana, 9
Sede operativa
 TREVISO
 31050  Combai
 Via Casale Moncader, 5
Sede operativa
 TREVISO
 31053 Pieve di Soligo
 Via Zanzotto, 23/d
Tipi di Marchio
Marchio nazionale italiano:
La tutela giuridica è limitata al territorio Italiano. A differenza dei marchi esteri, e’ opponibile ai terzi dalla data di deposito anche se non e’ ancora registrato. Mediamente la registrazione avviene entro 2, 2 anni e mezzo. Vi invieremo gratuitamente copia della visura a marchio registrato. Non vi sono tasse annuali da pagare. Si pagano al momento del deposito le tasse per i successivi 10 anni a decorrere dalla data di deposito. Dal preventivo gratuito visto il nome/logo del marchio e le classi inizialmente indicate, sarete seguiti nell’affinamento delle classi merceologiche e sulla tipologia di marchio/i piu’ opportuna da depositare per massimizzare la tutela. Importante la valutazione di parole facenti parte del marchio da non depositare (non facenti parte del cuore del marchio) anche se utilizzate poi nell’uso del marchio. Gli esempi piu’ comuni a riguardo sono: pincopalla srl, si puo’ depositare pincopalla e utilizzarlo associato alla srl. Gruppo ribot, si puo’ depositare ribot e utilizzarlo poi associato alla parola gruppo che e’ di uso comune. Nei casi di marchi evocativi puo’ essere ritenuto piu’ opportuna la registrazione con l’estensione del nome di dominio. Es. shop.com Il marchio italiano a differenza degli altri marchi e’ utilizzabile e opponibile ai terzi dalla data di deposito a prescindere dall’effettiva registrazione che avviene mediamente dopo 2 anni. In caso di rifiuto da parte dell’ufficio a procedere alla registrazione e’ sempre possibile fare ricorso. Prima della registrazione il marchio andrebbe utilizzato associato alla d di depositato. Solo ad avvenuta registrazione si puo’ mettere la ® di registrato. In caso venisse utilizzata anticipatamente la r, si riporta l’estratto del descreto di interesse. “In base al Decreto Legislativo 10 febbraio 2005, n. 30 Art. 127, l’utilizzo improprio resta punibile con una sanzione amministrativa da 51,65 € a 516,46 €”. Se si e’ interessati ai mercati esteri, entro 6 mesi solitamente si procede all’estensione internazionale a macchia di leopardo per non perdere la priorita’ dei 6 mesi dalla data di deposito del marchio italiano.

Marchio Comunitario:
E’ sempre opportuno depositare inizialmente il marchio in italia perche’ cio’ ci fornisce una priorita’ di 6 mesi a valere dalla data di deposito in italia nei confronti di marchi nazionali depositati in data sucessiva. E' un marchio disgiunto da quello nazionale che vale in tutti i paese della Comunità Europea. La tutela giuridica richiede una unica azione legale valida per tutti i paesi della Comunità ad Alicante in Spagna. In fase di registrazione però se in un solo paese vi è un marchio nazionale "uguale" o confondibile anteriore e il titolare vince l’opposizione, questo invalida la registrazione in tutti gli altri paesi della comunita’. i costi per seguire eventuali opposizioni non sono compresi nei costi di deposito. Il marchio comunitario inoltre diversamente dal marchio nazionale fino a quando non viene registrato non e’ opponibile ai terzi. I tempi di registrazione medi sono 18 mesi. In caso di opposizione da parte di terzi titolari di marchi nazionali si puo’ rischiare di non arrivare a registrazione e di trovarsi senza un marchio valido in italia magari dopo la richiesta anteriore di un marchio comunitario da parte di un titolare di un marchio nazionale nei 6 mesi della priorita’. Dal deposito occorre sempre seguire le varie fasi e se vi sono problemi intervenire prontamente.

Si riportano a titolo esemplificativo la successione degli status principali:
- Domanda ricevuta
- Data di deposito accordata
- Verifica delle formalità in corso
- Classificazione OK
- Verifica delle formalità OK
- Verifica degli impedimenti assoluti
- Domanda accettata
- Domanda pubblicata (nei 3 mesi sucessivi alla pubblicazioni, chi ritiene di farlo, puo’ fare opposizione alla registrazioen del marchio) Se non vi sono opposizioni da parte di terzi o se l’opposizione e’ stata respinta
- Registrazione in corso
- Tassa di registrazione pagata
- Registrazione pubblicata
Sarete seguiti da personale specializzato anche in caso di opposizione in tute le fasi della procedura.
Nb: A seguito del deposito vengono inviate richieste di pagamento improprie da parte di enti che nulla hanno a che fare con l’oami.
Queste richieste e’ bene che ce le inviate via fax cosi’ vi possiamo dare conferma se procedere o meno al pagamento. A seguito del deposito, l’ OAMI/UAMI “Ufficio per l’armonizzazione del mercato interno” invia una relazione sui marchi nazionali anteriori uguali o simili a quello depositato di numerosi paesi comunitari (il costo e’ incluso nelle tasse di deposito 750,00 fino a 3 classi e 150,00 per classe aggiuntiva).
Visionata tale relazione si puo’ valutare se proseguire o ritirare la domanda di marchio comunitario.
Effettuando anteriormente la visura per marchi italiani, comunitari, internazionale ed eventualmente per gli Stati Uniti si ha gia’ una ragionevole base informativa per poter depositare il marchio comunitario. Si puo’ effettuare delle ricerche mirate nei principali paesi comunitari come Francia, Germania, Spagna.

E’ possibile effettuare anteriormente anche le visure per i marchi nazionali in ciascun paese della comunita’ europea. I costi variano da nazione e nazione. Occorre effettuare una valutazione di costo/convenienza.

E’ sicuramente meno costoso optare per il deposito e nella peggiore delle ipotesi procedere al ritiro della domanda o la conversione della stessa in tanti marchi nazionali nei paesi in cui non vi siano marchi nazionali anteriori. Per non perdere l’esclusiva dopo i primi 5 anni di inutilizzo e’ sufficiente utilizzarlo in Italia o in un altro paese comunitario.

Marchio internazionale:
: il marchio nazionale può essere esteso agli stati esteri di interesse tramite apposite richieste a seconda che i paesi facciano parte dell'Accordo o del Protocollo di Madrid. In questo caso il marchio varrà per il territorio italiano e per i paesi esteri per cui è stata estesa la registrazione.

E’ opportuno per il marchio internazionale procedere con un margine di almeno 3 mesi in quanto per la validita’ della priorita’ derivante dal deposito del marchio nazionale occorre che l’ufficio Italiano marchi provveda nel terminedi 6 mesi alla registrazione del marchio nazionale. Il deposito del marchio internazionale prevede la richiesta di piu’ marchi nazionali mediante un’unica procedura. A termine della fase internazionale che dura circa 12 mesi, viene concessa la registrazione internazionale con relativa pubblicazione nella banca dati dell’OMPI. Successivamente l’OMPI trasmette i fascicoli agli uffici di ciascun paese designato e si entra nelle fasi nazionali
L'ufficio marchi di ciascun paese prima di procedere alla registrazione effettua le ricerche di anteriorita' e solo se non vi sono marchi anteriori o se ritiene il marchio e’ registrabile secondo il loro ordinamento, procedono alla registrazione o rifiutano la richiesta previa motivazione. In seguito occorrera' valutare se ricorrere o meno attraverso nostri corrispondenti locali nel paese di riferimento. La fase nazionale dura mediamnete 12/18 mesi. La tutela giuridica richiede una azione legale distinta per ciascun paese con relativi costi e tempi. E’ anche richiesto l’utilizzo del marchio in ciascun paese pe non perdere l’esclusiva dopo i primi 5 anni di inutilizzo. Effettuando anteriormente la visura per marchi italiani, comunitari, internazionale e Stati Uniti abbiamo una ragionevole certezza per poter avviare la domanda internazionale. E’ possibile effettuare anteriormente anche le visure per i marchi nazionali in ciascun paese di interesse. I costi variano da nazione e nazione. Occorre effettuare una valutazione di costo/convenienza .

Il rapporto costo/prestazione resta focalizzato per un alto livello qualitativo del servizio. Non di rado gli uffici post deposito inviano comunicazioni e richieste a cui occorre rispondere in modo adeguato. Questi eventuali costi e i costi per seguire eventuali azioni legali non sono compresi nei costi di deposito.

PAESI MEMBRI DELL'ACCORDO DI MADRID:


P.MEMBRI DEL PROTOCOLLO DI MADRID:

Marchio nazionale estero:
Per i paesi non aderenti all'Accordo o del Protocollo di Madrid, occorre depositare marchi nazionali attraverso nostri corrispondenti locali. Non e’ possibile fornire un preventivo automatizzato in quanto i costi e le procedure variano di continuo. Per alcuni paesi è necessario autenticare la firma sulla lettera d’incarico presso il notaio, legalizzare il documento presso la Procura della Repubblica e legalizzarlo poi presso il Consolato. Il costo di tali procedure non è incluso nei preventivi.
A seconda del numero di marchi nazionali da depositare si cerca di venire incontro al Cliente il piu’ possibile con una scontistica progressiva in relazione al numero di marchi da effettuare. Il rapporto costo/prestazione resta focalizzato per un alto livello qualitativo del servizio. Non di rado gli uffici post deposito inviano comunicazioni e richieste a cui occorre rispondere in modo adeguato. Questi eventuali costi e i costi per seguire eventuali azioni legali non sono compresi nei costi di deposito.
REGISTRAZIONE MARCHIO - P.iva:03109080279 - CCIAA VENEZIA n.307263
JwebNet.it   di  Andrea David   -   p.iva: 03109080279   -   CODICE FISCALE: DVDNDR70R18L736H   -   ISP  Internet Service Provider
CCIAA Venezia N.307263 - C.T.U. n.314 cat. Comerciale del Tribunale Ordinario di Venezia - LAPET Perito ed esperto tributario n.2572027
RegistrazioneMarchio.com - RegistrazioneBrevetto.com -GigaServer.it - inchiostrishop.it sono servizi offerti e nomi commerciali utilizzati da JWebNet.it